Considerato uno dei più importanti (e talvolta controversi) registi di lavoro, Oliver Stone ha una potente filmografia. Il regista ha iniziato come sceneggiatore, vincendo l’Oscar per la migliore Sceneggiatura adattata per Midnight Express del 1978. Stone trascorse i successivi sei anni cercando di vendere la sua sceneggiatura per Platoon a studi disinteressati, realizzando finalmente il film nel 1986. Il successo di quel film ha portato Stone su una striscia incredibile come regista.

Oliver Stone guarda onestamente l’America ed esamina le sue ipocrisie. Egli è la più importante autorità cinematografica del Vietnam, esaminando la guerra nel corso di molti film. Altrettanto lodato e criticato, il lavoro di Stone è uno dei migliori di qualsiasi regista americano.

10 Cielo & Terra (1993)

Oliver Stone aveva già vinto un Oscar per i suoi due precedenti Vietnam film, Platoon e Nato il quattro Di luglio. Per il terzo film della sua trilogia in Vietnam, il regista ha scelto di mostrare gli effetti della guerra da un’altra prospettiva. Heaven& Earth racconta la vera storia di Hiep Ti Le, una donna vietnamita la cui vita e la cui famiglia sono colpite dalla guerra nel suo paese. Le incontra e sposa un GI suicida (un potente Tommy Lee Jones) e inizia una vita in America, solo per scoprire che non è accettata tra le casalinghe di periferia e lotta per trovare il suo posto in una terra straniera.

Le Ly Hayslip ha dato una performance di piombo commovente e il film, pur non abbracciato dal pubblico, è un racconto emotivo e stimolante del viaggio di una donna dalla giovinezza alla femminilità durante un periodo tumultuoso.

9 Nixon (1995)

Prendere la carriera politica di Richard Nixon era un progetto rischioso. Un film di tre ore sul controverso presidente non era sicuro del suo potenziale al botteghino, poiché il pubblico di solito preferisce i presidenti fittizi rispetto alle storie vere. Oliver Stone sapeva che una storia corretta doveva essere raccontata e ha creato un affascinante ritratto dell’uomo emotivamente segnato che sarebbe diventato (a quel tempo) il leader più controverso del paese.

Anthony Hopkins ha recitato nel ruolo di Nixon e ha tirato fuori una performance straordinaria e nominata all’Oscar usando le sue grandi abilità e giustamente stare lontano da troppe protesi. Hopkins incarna ogni parte di questo uomo rotto che si aggrappa alla vita politica, anche se la sua carriera è flatlining. Con un forte cast di supporto che comprendeva Joan Allen, Powers Boothe e James Woods, Nixon è stato un dramma ben recensito e magistrale che ha trovato un pubblico grazie alla visione unica del suo regista. Stone non ha reso Richard Nixon un cattivo né un eroe. Ha mostrato l’uomo che era, difetti e aspetti positivi, in un film non giudicante e sorprendente.

8 Wall Street (1987)

Stone ha assunto un altro tipo di “campo di battaglia” a Wall Street. Charlie Sheen interpreta “Bud Fox”, un giovane broker di Wall Street che non si fermerà davanti a nulla per raggiungere il successo e per” catturare il pesce grosso”, un lavoro che lavora per un titano finanziario di nome Gordon Gekko.

Il nonno di Stone era un broker di Wall Street, quindi il regista aveva una visione di quel mondo. Accoppiato con quella conoscenza e la mentalità avidità del 1980, il film è stato un successo finanziario, parlando ai tempi in cui è stato girato. Michael Douglas finalmente unito suo padre in essere un premio Oscar a causa della sua performance impegnata come Gordon Gekko.

7 Le porte (1991)

Le porte è stato il primo di Oliver Stone uno-due pugno del 1991 con JFK a venire nel corso dell’anno. La ricreazione di Stone della fine degli anni ‘ 60 era sbalorditiva nella sua portata e precisione e il cast che assemblava per suonare The Doors era perfetto.

Kevin Dillon, Frank Whaley e Kyle MacLachlan erano impeccabili come la band e Val Kilmer era fenomenale come Jim Morrisson. La sua performance era stranamente perfetta, come se il fantasma di Morrisson scorresse dentro di lui. Il film ha ottenuto recensioni contrastanti, ma ha fatto bene al botteghino e si erge come una testimonianza di uno degli artisti e delle band più uniche della musica.

6 Nato Il quattro luglio (1989)

Tom Cruise è salito a un altro livello con il suo toccante ritratto di un Veterano del Vietnam Ron Kovic in Nato il quattro di luglio, Oliver Stone, Nominato all’Oscar adattamento di Kovic è storia vera. Kovic ha combattuto nella guerra del Vietnam ed è tornato a casa un uomo cambiato che ha preso una posizione contro la guerra, diventando una delle voci più importanti per parlare contro il coinvolgimento dell’America in Vietnam.

Tom Cruise ha ricevuto le migliori recensioni della sua carriera e il film è stato un successo al botteghino, guadagnando otto nomination agli Oscar e vincendone due per il montaggio e la regia di Stone.

5 Talk Radio (1988)

Forse il più sottovalutato film di Oliver Stone, carriera, Talk Radio è stato il direttore sharp e intimo adattamento di Eric Bogosian in un gioco con lo stesso nome su una radio talk show host, che inizia a svelare a causa dell’odio per l’umanità che si incontra sul suo programma.

Bogosian interpreta il protagonista, Barry Champlain, ed è una forza della natura con la sua performance. L’attore e il film bruciano sullo schermo come un lanciafiamme cinematografico. La direzione di Stone corrisponde alla cadenza fulminea di Bogosian, bruciando la potenza del film per il pubblico. Un flop al botteghino nel 1988, il film di Stone e la performance di Bogosian hanno ricevuto ottime recensioni.

4 Plotone (1986)

Oliver Stone ha lasciato il segno con il Plotone del 1986, sulla base della sua esperienza personale in Vietnam. Il film ha seguito Chris, un nuovo soldato che viene in Vietnam e cade con un plotone dove viene catturato in una battaglia morale tra i suoi due ufficiali superiori.

Nominato per otto Oscar e vincendo quattro tra cui Miglior film e Miglior regista, il film è stato un enorme successo di critica e finanziario, facendo star di Charlie Sheen, Tom Berenger e Willem Dafoe (che erano entrambi nominati all’Oscar) e cambiando il modo in cui gli americani e il cinema hanno affrontato gli effetti della guerra, consentendo una

3 Salvador (1986)

Salvador di Oliver Stone vera storia di Richard Boyle, un fotoreporter Americano che copre e si affetta da disordini politici del 1980 El Salvador.

James Woods ha interpretato il ruolo di Boyle e ha fatto il miglior lavoro della carriera con il suo ritratto scombussolato ed emotivo di un uomo troppo oltre la sua testa sia politicamente che professionalmente. La sceneggiatura di Stone è una critica brutalmente onesta dell’unione empia dell’America con i dittatori e molti critici hanno inserito il film nelle migliori liste del loro anno. La performance di Woods e la sceneggiatura di Stone sono state giustamente nominate agli Oscar.

2 Natural Born Killers (1994)

Controverso e completamente unico, Natural Born Killers esplose attraverso gli schermi cinematografici nel 1994 ai grandi risultati al botteghino e recensioni contrastanti. Il film di Stone ha seguito Mickey e Mallory, due serial killer viziosi che diventano celebrità dei media.

Stone ha rielaborato la sceneggiatura originale di Quentin Tarantino e l’ha modellata in un attacco tempestivo alla cultura dei media e al culto malsano degli eroi. Woody Harrelson e Juliette Lewis hanno dato due delle migliori performance delle loro rispettive carriere e sono stati supportati da un forte cast di supporto. Lo stile inventivo e sperimentale di Stone ha reso selvaggi i racconti dietro le quinte sulla realizzazione del film.

1 JFK (1991)

Oliver Stone non ha mai raccolto più polemiche di quanto abbia fatto con JFK, la sua accusa di menzogne e ingiustizia riguardo indagine sull’assassinio di JFK. La portata del film e le informazioni che contiene è abbastanza sorprendente. Kevin Costner interpreta Jim Garrison, l’avvocato che assume il governo degli Stati Uniti, dando quella che è forse la sua performance più profonda e personale.

Tommy Lee Jones, Joe Pesci, Kevin Bacon, e Sissy Spacek sono tra i tanti attori non protagonisti che ritraggono personaggi della vita reale che sono stati coinvolti in un modo o nell’altro. Donald Sutherland ha il ruolo più importante del film come un agente governativo senza nome che espone le ragioni dietro il piano per uccidere Kennedy. Nominato per otto premi Oscar, il film ha vinto due per il montaggio e la cinematografia. Qualunque sia il lato della controversia lo spettatore è su, non si può negare che il capolavoro di Stone è uno dei più importanti film americani mai realizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.