Barry Bonds è sulla scheda elettorale Hall of Fame, ancora una volta. Uno dei più grandi battitori, Bonds non ha raggiunto il suo successo senza controllo. Appartiene a Cooperstown?

Assicurati di controllare tutti i nostri altri casi MLB Hall of Fame.

Quando ci viene chiesto chi sono i giocatori più talentuosi che abbiano mai giocato nella Major League Baseball, la maggior parte delle persone dice nomi come Ted Williams, Lou Gehrig, Mickey Mantle, Hank Aaron e forse anche Ken Griffey Jr.o Mike Trout. Ma i legami potrebbero essere nel mix, come era evidente quanto fosse speciale quando è arrivato nei grandi campionati con i Pittsburgh Pirates.

Riassunto della carriera

Bonds fu scelto da Pittsburgh nel primo giro (sesta scelta assoluta) del Draft amatoriale 1985 dall’Arizona State University. L’anno successivo, è arrivato nei grandi campionati e ha subito avuto un impatto. Ha fatto la sua prima apparizione All-Star nel 1990 e avrebbe continuato ad apparire in altri 13.

Dopo aver vinto due premi MVP, Bonds firmò con i San Francisco Giants in una mossa che i Giants avrebbero descritto come una delle loro migliori acquisizioni di sempre. Bonds ha continuato a vincere cinque premi MVP e nove Silver Slugger awards. Nel 2002, ha fatto la sua prima e unica apparizione alle World Series quando i Giants sono caduti negli Anaheim Angels. Mentre a prima vista la sua carriera lo rende un gioco da ragazzi per una Hall of Fame selezione, carriera di Bonds è stato screditato numerose volte a causa della sua polemica PED.

Questo sarà l’ottavo anno di Bond nella Hall of Fame. Aveva 60 anni.7 per cento delle schede elettorali dello scorso anno, che era la più alta percentuale di voti che ha ricevuto finora. La sua candidatura scade nel 2022, quindi dovrà cambiare idea ad alcuni elettori se vuole essere a Cooperstown.

Pro

Da dove vuoi iniziare? Bonds aveva apparizioni All-Star-Game a due cifre, sette MVP, otto guanti d’oro, 12 Sluggers d’argento e due titoli di battuta. Bonds detiene il record per il maggior numero di home run in carriera di sempre con 762 di loro. Ha anche il maggior numero di homers in una singola stagione (73 in 2001).

Bonds ha vinto il maggior numero di premi MVP nella storia del baseball. Un pareggio lontano per il secondo è Hall of Famer Stan Musial e futuro Hall of Famer Albert Pujols. Willie Mays, un giocatore top-tre nella storia MLB, ha vinto cinque meno MVP di obbligazioni ha fatto. Chiunque abbia vinto che molti MVP è di solito un primo voto Hall of Famer.

Naturalmente, questa è una situazione unica.

Contro

I contro superano di gran lunga i pro agli occhi degli elettori della Hall of Fame, e il motivo è perché coinvolgono l’unico peccato cardinale nel baseball: barare. Bonds è risultato infamamente positivo ai farmaci per migliorare le prestazioni (PEDs) nel 2000, pochi mesi prima di battere il record di home run di Mark McGwire in una sola stagione.

Si è piazzato secondo per il premio MVP nel 2001 e primo nel 2002, quindi quei premi hanno asterischi accanto a loro tra molte persone nel baseball, soprattutto considerando che Pujols ha avuto una stagione straordinaria nel 2002 (.314 media battuta con 36 più colpi di obbligazioni) senza l’utilizzo di steroidi.

Verdetto

Non c’è dubbio che Bonds non merita di avere un discorso di induzione al fianco di leggende del baseball. Sapeva quello che stava facendo quando ha deciso di imbrogliare e quindi non giocare su un campo di parità con tutti gli altri. Ci sono altri giocatori come McGwire, Sammy Sosa, Jose Canseco, Gary Sheffield, Andy Pettitte, e Roger Clemens (che sono tutti sulla scheda elettorale di quest’anno) che hanno utilizzato PEDs e anche non sono stati inseriti nella Hall of Fame. Anche le obbligazioni non dovrebbero ottenere un pass.

Le persone sollevano l’argomento che Bonds era un Hall of Famer prima che barasse, quindi dovrebbe entrare. Allora perché imbrogliare in primo luogo? Se era così talentuoso, non aveva motivo di permettere a quelle sostanze di entrare nel suo corpo.

Bonds probabilmente ha due sale trofeo per adattarsi a tutti i premi che ha vinto durante la sua carriera storica con Pittsburgh e San Francisco, ma l’unico onore che probabilmente non avrà mai è vedere una targa con la sua faccia su di essa a Cooperstown, New York, a parte leggende come Tony Gwynn, che ha raggiunto il loro successo durante

Check us out sui nostri social:
Twitter: @ PTSTNews e @ TalkPrimeTime
Pagina Facebook: Prime Time Sports Talk
Unisciti al nostro gruppo Facebook: In prima serata Parlare di sport
Instagram: @ ptsportstalk

Seguire Ben Fadden su Twitter @benfaddensports

Immagine principale di credito: Incorporare da Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.