Hispanic Heritage Month onora le persone di origine ispanica negli Stati Uniti. Dal 15 settembre al 15 ottobre, una moltitudine di programmi speciali, eventi, mostre e siti web celebrano il patrimonio, la cultura, lo spirito e i contributi straordinari degli ispanici americani.

La celebrazione di Hispanic Heritage Month ha cominciato ad assumere una scala nazionale nel 1968 con l’emissione di Diritto pubblico 90-498 che ha autorizzato un proclama presidenziale annuale che dichiara la settimana del 15 settembre e 16 Hispanic Heritage Week. La settimana è stata designata per coincidere con le celebrazioni dell’indipendenza di Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras e Nicaragua il 15 settembre e il Messico il 16 settembre.

La proclamazione del 1968 ha esortato il popolo americano, in particolare le istituzioni educative, ad osservare questa settimana con cerimonie e attività appropriate. Per incoraggiare la partecipazione, il presidente Gerald R. Ford emise un proclama nel 1974 esortando le scuole e le organizzazioni per i diritti umani a partecipare pienamente a quella settimana. Nel 1988, il presidente Ronald Reagan ha ribadito la richiesta di Ford per un più ampio riconoscimento degli ispanici americani approvando la legge 100-402 che ha esteso la celebrazione al mese del patrimonio ispanico – dal 15 settembre al 15 ottobre.

Secondo il Census Bureau, le persone di origine ispanica sono la più grande minoranza in crescita negli Stati Uniti. La popolazione ispanica è proiettata a quasi triplicare da quasi 47 milioni di persone a 133 milioni dal 2008 al 2050, dal 15 per cento della popolazione al 30 per cento.

Oggi più che mai gli ispanici americani svolgono un ruolo fondamentale nel plasmare l’esperienza americana Come leader nel governo, legge, affari, scienza, sport, arti e molte altre occupazioni. L’influenza della cultura ispanica si riflette in ogni elemento della vita americana, dalla politica all’educazione, alla musica e alla televisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.