L’antica Atene è ricordata per aver dato vita alla prima democrazia nella storia, una linea d’azione che ha richiesto molti anni e diversi leader per svilupparsi. Una delle figure più importanti di quel periodo è senza dubbio Clistene, noto anche come ” il padre della democrazia ateniese.”

Primi anni di vita e ascesa al potere

Cleistene proveniva da una famiglia aristocratica Alcmaeonide di Atene e nacque intorno al 570 AC. Suo padre era Megacle, una figura dominante della politica ateniese, e sua madre era Agariste, la figlia di Cleistene il tiranno di Sicione, una città a ovest di Corinto. Cleistene prima è venuto alla ribalta politica quando è stato fatto arconte (un funzionario amministrativo decorato) nel 525 AC durante il regno del tiranno Ippia. Poco dopo, tuttavia, la sua famiglia non continuò ad essere favorita dalle autorità ateniesi e di conseguenza Cleistene fu esiliato. Mentre era in esilio, Clistene reclamò il sostegno dell’oracolo sacro a Delfi per convincere gli Spartani ad aiutarlo a rimuovere Ippia dal potere, come accadde.

Cleisthenes, il padre della democrazia greca

Cleisthenes, il padre della democrazia greca ( Ohiochannel)

Dopo la fine della tirannia, due gruppi di salire e andare in punta di punta per il controllo e per rimodellare il governo di Atene. Uno era guidato da Isagora, che Aristotele si riferisce a come un “amico dei tiranni” e l’altro era guidato da Cleistene. Isagora inizialmente ottenne una vittoria minore facendosi scegliere come Arconte nel 508. Tuttavia, ignorò le riforme di Solone e impose un nuovo (quasi) sistema di governo tirannico, in cui alcune famiglie aristocratiche selezionate detenevano il potere assoluto. A causa di ciò, fu Clistene che guadagnò il sostegno delle classi inferiori per imporre una serie di riforme. Isagora, intimorito dalla popolarità del suo rivale, chiese al re spartano Cleomene di aiutarlo a sfrattare Cleistene dalla città, ma le cose non andarono per la sua strada.

  • La brutale leggi Draconiane dell’antica Grecia
  • Solon: Il Padre di Diritto Occidentale
  • Età di Confusione: Manipolazione delle masse & Propaganda – Parte Uno

Gli Spartani inviato una piccola forza per porre l’assedio di Atene, e Cleisthenes deciso di lasciare temporaneamente la città. Gli spartani furono bloccati dalla coraggiosa resistenza degli ateniesi e Isagora con i suoi alleati si ritirò. Poco dopo, Clistene tornò ad Atene dove non c’era più alcun ostacolo alle sue riforme proposte.

Il ruolo di Solone nella democrazia ateniese

Prima di Cleistene, c’era Solone e nessuno dovrebbe mai dimenticare il suo immenso impatto e il suo contributo alla prima democrazia che il mondo abbia mai conosciuto. Solone l’ateniese era un grande filosofo e uno dei sette saggi dell’antica Grecia, che è ricordato principalmente per essere il legislatore che ha gettato le basi per la democrazia ateniese con le sue riforme e gli sforzi per legiferare contro il declino politico, economico e morale. Era nato nel 640 AC ad Atene e proveniva da una famiglia molto conosciuta e molto rispettata con un lignaggio che risale all’ultimo re di Atene, Codrus. Con la sua scrittura infuocata, ha influenzato, incoraggiato ed eccitato il pubblico ateniese che stava soffrendo sotto le dure leggi di Draco e il brutale sistema legale, mentre ha sottolineato che le disgrazie della città e le lotte delle classi inferiori erano il risultato della libertà perduta del popolo a causa del debito e del sistema economico ingiusto.

Solon, il saggio legislatore di Atene

Solon, il saggio legislatore di Atene ( di Pubblico Dominio )

Questo è diventato uno dei principali motivi per cui gli Ateniesi eletto Solon come loro legislatore e gli ha dato il potere assoluto di ripristinare la perduta pace e di cambiamento della città, leggi e istituzioni nel 594 a.c. La legislazione di Solone era molto audace e drastica, riflettendo l’immensa dimensione della crisi di Atene che fu chiamato a curare. Basato sul principio della disuguaglianza piuttosto che dell’uguaglianza, mentre cercava di mantenere l’equilibrio tra le classi sociali che erano pronte a iniziare una guerra civile, gettò le basi di una nuova forma di governo che avrebbe rimodellato non solo la società ateniese, ma sarebbe stata considerata la più perfetta e giusta fino ad oggi, quasi 2.500 anni dopo: la democrazia.

La prima democrazia di Cleistene

Quindi, Cleistene era libero di imporre le sue riforme, cosa che fece durante l’ultimo decennio del vi secolo. Queste riforme segnano l’inizio della democrazia classica ateniese, dal momento che hanno organizzato Attica nel panorama politico che sarebbe durato per i prossimi due secoli. Le sue riforme miravano a rompere il potere delle famiglie aristocratiche, sostituendo le lealtà regionali con la solidarietà pan-ateniese e impedendo l’ascesa di un altro tiranno. La penisola dell’Attica durante il suo regno consisteva in tre aree geografiche distinte: la costa, la campagna e l’area urbana intorno alla città di Atene stessa. In questo modo, i cittadini di tutte le parti dell’Attica lavorarono insieme – anche se separatamente e all’interno delle loro tribù – per governare efficacemente la città. Le vecchie associazioni, per regione o secondo le famiglie, sono state infrante. La cittadinanza e la capacità di godere dei diritti dei cittadini erano nelle mani dei vicini immediati, ma il governo di Atene era nelle mani dei “Demo” ateniesi nel loro complesso, organizzati attraverso i confini del territorio e del clan.

  • Il Partenone di Atene: un monumento epico, o un mistero nelle misure?
  • Lega Irochese: L’antica e potente Unione delle Sei Nazioni
  • La ricerca di recuperare i soldati caduti di Maratona

Mappa dell'antica Atene che mostra l'Acropoli nel mezzo, l'Agorà a nord-ovest e le mura della città.

Mappa dell’antica Atene che mostra l’Acropoli nel mezzo, l’Agorà a nord-ovest e le mura della città. (Pubblico dominio )

Ostracismo

Con le nuove Demos ateniesi unificate, il pericolo della tirannia rimaneva ancora. Alcuni parenti del tiranno Pisistrato erano sopravvissuti ed erano ancora influenti ad Atene, mentre la nuova, ancora maggiore minaccia dell’impero persiano era sempre più diffusa in tutto il mondo antico. Clistene, che conosceva molto bene le conseguenze della tirannia, inventò la sua innovazione più famosa per evitare tali possibili minacce future: l’ostracismo. Ogni anno l’Assemblea dei cittadini ateniesi votava se tenere o meno un ostracismo. Se i Demos hanno votato per tenerne uno, l’ostracismo ha avuto luogo pochi mesi dopo, in un’altra riunione dell’Assemblea. Poi, ogni cittadino presente graffiato un nome su un pezzo rotto di ceramica; questi, la carta di scarto del mondo antico, sono stati chiamati ostraka in greco, che ci dà la parola per l’istituzione. Se almeno 6000 cittadini hanno votato con il loro ostraka, i nomi sui frammenti del piatto sono stati conteggiati e la persona più votata è stata obbligata a lasciare Atene per un periodo di dieci anni. Non ha perso la sua proprietà o i suoi diritti come cittadino ateniese, ma ha dovuto lasciare la città per almeno un decennio.

Voto ostraka (per l'ostracismo, l'Antica Grecia)

Voto ostraka (per l’ostracismo, l’Antica Grecia) ( di Pubblico Dominio )

Per essere oggetto di ostracismo in realtà significava che un uomo che aveva una grande influenza sulla città e fu anche in grado di convincere i suoi concittadini per essere ammessi a partecipare ai processi democratici di governo di Atene. L’elenco degli ateniesi ostracizzati costituisce un “Chi è chi” della prima storia della democrazia.

Eredità e status di “Padre della democrazia”

La maggior parte degli storici contemporanei riconosce Cleistene come il “Padre della democrazia ateniese”, poiché era l’uomo che riuscì a riformare la costituzione e ad aggiungere la partecipazione pubblica alla politica. Inoltre, Cleistene ha stabilito l’idea di “sortion”, che è la selezione casuale dei cittadini per riempire le posizioni di governo. Ancora più importante, tuttavia, fu lui a garantire che le potenziali tirannie non sarebbero state di nuovo un problema per la città. E nonostante gli effetti immediati delle sue riforme siano immediatamente evidenti nell’antica Atene, il suo più grande risultato consisterà sempre nel fatto che la democrazia, da allora, si è evoluta e si è espansa nella maggior parte dei paesi del mondo moderno, ed è ancora considerata da molti oggi (2.500 anni dopo) come il miglior sistema di governo.

Immagine in alto: Foto di Leo Von Klenze. Una romantica ricostruzione idealizzata dell’Acropoli di Atene. (Pubblico dominio ), Busto moderno di Cleistene (Ohiochannel)

Di Theodoros

Cleistene di Atene, Disponibile all’indirizzo: https://www.britannica.com/biography/Cleisthenes-of-Athens

Le riforme democratiche di Cleistene, Disponibile all’indirizzo: http://www.perseus.tufts.edu/hopper/text?doc=Perseus%3Atext%3A1999.04.0009%3Achapter%3D6%3Asection%3D30

Lo sviluppo della democrazia ateniese, Disponibile all’indirizzo: http://www.stoa.org/projects/demos/article_democracy_development?page=4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.