Dr . La tipologia di Abdellah di 21 problemi infermieristici è un modello concettuale che riguarda principalmente le esigenze del paziente e il ruolo degli infermieri nell’identificazione dei problemi utilizzando un approccio di analisi dei problemi . Abdellah ‘ s lavoro è classificato sotto la categoria filosofia infermieristica , nel senso che il suo lavoro si basa su analisi , razionalizzazione, ricerca e argomento logico invece di utilizzare metodi esperienziali . Si può affermare che Abdellah ‘s modello può essere descritto come induttivo dal momento che ha derivato osservazioni da studi precedenti che è diventato la base per la sua concettualizzazione . Queste affermazioni non sono di natura sperimentale perché tali affermazioni basate su obiettivi, tradizioni e / o valori non possono essere testate per la sua correttezza o scorrettezza (Marriner-Tomey , 1994 , da cui la classificazione del dr . Il modello di Abdellah come filosofico.
Utilizzando il fondamento scientifico della teoria consentirà l’infermiera per dare un significato a ogni azione infermieristica che lui/ lei si esibirà. Utilizzando la tecnica 21 nursing problems, il professionista clinico potrebbe valutare il paziente, fare una diagnosi infermieristica e pianificare interventi. L’obiettivo principale di Abdellah è il miglioramento dell’educazione infermieristica. Credeva che, come l’educazione degli infermieri migliora, pratica infermieristica migliora pure. Ha trasformato il focus della professione da “centrato sulla malattia” a “centrato sul paziente.”L’approccio centrato sul paziente è stato costruito per essere utile alla pratica infermieristica in quanto ha contribuito a portare struttura e organizzazione a quella che spesso era stata una raccolta disorganizzata di esperienze di assistenza infermieristica. I bisogni individuali erano la base del problema infermieristico, una tipologia di trattamento infermieristico e gli obiettivi infermieristici sono stati formulati che sono serviti come base per determinare e organizzare l’assistenza infermieristica. La cura centrata sul cliente sottolinea il principio che ogni obiettivo infermieristico dovrebbe essere orientato verso il trattamento del paziente e non solo la semplice malattia.
La ricerca ha svolto un ruolo importante nella selezione dei 21 problema classificazioni. Le sue ricerche sono stati in realtà i principali punti di forza dei suoi lavori. Infatti, il suo quadro continua a stimolare la ricerca sul ruolo e le responsabilità dell’infermiera. L’ampia natura dei concetti nel suo quadro offre opportunità per identificare le relazioni direzionali negli interventi infermieristici. Le sue teorie continuano a guidare i ricercatori a concentrarsi sul corpo della conoscenza infermieristica stessa, sull’identificazione dei problemi del paziente, sull’organizzazione degli interventi infermieristici, sul miglioramento dell’educazione infermieristica e sulla struttura del curriculum. L’ampia ricerca fatta per quanto riguarda le esigenze e i problemi del paziente è servita come base per lo sviluppo di ciò che ora è noto come diagnosi infermieristiche. La tipologia utilizzata da Abdellah è diventata la radice per coltivare il modello di assistenza infermieristica e poi è stata impiegata per la creazione del profilo del personale in contesti clinici.
E ‘ stato durante il 1950 quando la teoria di Abdellah sono stati formulati e sviluppati, così, fornendo struttura al curriculum infermieristico. Le straordinarie ricerche, pubblicazioni e altri lavori di Abdellah e la sua reputazione in tutto il mondo sono state determinanti nel diffondere l’approccio centrato sul paziente ai programmi educativi in tutto il mondo.La tipologia di Abdellah di 21 problemi infermieristici ha avuto l’effetto più convincente sul sistema educativo. Gli educatori si sono resi conto che le revisioni sono di primaria importanza se gli infermieri dovessero diventare autonomi. Hanno visto che il più grande difetto nella professione era l’assenza o la base limitata di un corpo scientifico di conoscenza unico per l’infermieristica. La tipologia ha soddisfatto questo vuoto e ha dato l’opportunità più cruciale e tempestiva di allontanarsi dalla replica medica di coltivare infermieri. Professori ed educatori hanno capito l’importanza dell’assistenza centrata sul cliente piuttosto che concentrarsi sugli interventi medici. Educazione infermieristica poi lentamente deviato la sua concentrazione dal complesso, concetti medici, in esercitare una migliore attenzione al cliente come la preoccupazione primaria.
Secondo Abdellah’s Twenty-One Nursing Problems theory of nursing, “L’infermieristica si basa su un’arte e una scienza che modella gli atteggiamenti, le competenze intellettuali e le abilità tecniche dell’infermiera individuale nel desiderio e nella capacità di aiutare le persone, malate o ben, a far fronte ai loro bisogni di salute.”
Ci sono caratteristiche specifiche identificabili nei Ventuno problemi infermieristici. La teoria ha correlato i concetti di salute, problemi infermieristici e problem-solving. La risoluzione dei problemi è un’attività di natura intrinsecamente logica. Il quadro si concentra sulla pratica infermieristica e sui singoli pazienti.
Lavoro come infermiera psicitarica in un istituto di salute mentale, quindi lascia che ti condivida dove posso applicare la teoria di Abdellah allo scenario di vita reale.
1.To mantenere una buona igiene e comfort fisico.
I pazienti vengono lavati ogni mattina dopo il risveglio e nell’ospedale governativo, reparto di beneficenza, stanno facendo un bagno assistito dalle infermiere. Dopo di che, sono forniti da camici ospedalieri per tenerli puliti.
2. Per promuovere un’attività ottimale: esercizio fisico, riposo e sonno.
Ogni mattina, sono incoraggiati a esercitare del tutto e un paziente conduce il resto per eseguire allenamento quotidiano come stretching o classe di danza. Dopo aver preso i loro farmaci notturni, sono autorizzati a riposare e dormire. Come infermiera, mantengo un ambiente calmo e tranquillo per loro di avere un buon sonno.
3. Promuovere la sicurezza attraverso la prevenzione di incidenti, lesioni o altri traumi e attraverso la prevenzione della diffusione dell’infezione.
Poiché molti pazienti rimangono insieme in una stanza singola in un reparto, preveniamo la diffusione dell’infezione isolando i pazienti con malattie trasmissibili come la scabbia. Manteniamo sempre le precauzioni di sicurezza perché i pazienti con malattia mentale hanno probabilità di avere precauzioni suicide, omicide e di fuga, quindi come infermiera dovresti essere sempre consapevole dei loro avvenimenti.
4. Per mantenere una buona meccanica del corpo e prevenire e correggere la deformità.
Con i pazienti con piaghe da decubito, una buona meccanica del corpo è molto importante, quindi giriamo il paziente da un lato all’altro o cambiamo posizione per prevenire l’immobilità e la pressione.
5. Per facilitare il mantenimento di una fornitura di ossigeno a tutte le cellule del corpo.
Se un paziente verbalizza difficoltà di respirazione e dopo la valutazione che sta afferrando per l’aria, dopo un adeguato rinvio alleghiamo fornitura di ossigeno tramite cannula nasale o maschera facciale.
6. Per facilitare il mantenimento della nutrizione di tutte le cellule del corpo.
I pazienti mangiano del tutto in una dispensa dove vengono forniti con lo stesso vassoio di cibo. Per i pazienti che mangiano molto velocemente, sono inclini al soffocamento, quindi devi supervisionare la loro alimentazione e dividere grandi pezzi di cibo in piccoli pezzi. Con i pazienti che non vogliono mangiare, li nutriamo. Non vuoi che i pazienti siano malnutriti a causa della scarsa assunzione di cibo.
7. Per facilitare il mantenimento dell’eliminazione.
I pazienti che hanno difficoltà nell’eliminazione, forniamo integratori alimentari come alimenti ricchi di fibre per quelli con costipazione. La maggior parte dei pazienti disturbati sono con restrizioni in modo che solo urinare sul pavimento, è necessario cambiare i loro vestiti per prevenire l’infezione.
8. Per facilitare il mantenimento dell’equilibrio di fluidi ed elettroliti.
Alcuni pazienti hanno uno squilibrio elettrolitico in modo da agganciare fluidi per via endovenosa come PNSS o D5LR per mantenere i loro elettroliti in equilibrio.
9. Riconoscere le risposte fisiologiche del corpo alle condizioni di malattia-patologiche, fisiologiche e compensative.
Se un paziente ha una malattia come un problema cardiaco, in un reparto psichiatrico, viene indirizzato in infermeria per aprire la strada alla sua condizione medica. Lì, gli vengono somministrati farmaci e un trattamento adeguato.
10. Facilitare il mantenimento di meccanismi e funzioni regolatorie.
Per un paziente con allucinazioni come uditivo e visivo, è terapeutico presentare la realtà.
11. Per facilitare il mantenimento della funzione sensoriale.
Quando viene ricoverato un paziente che è già sordo e muto, comunichiamo loro con il linguaggio del corpo per mantenere il loro bisogno di base nonostante l’inadeguatezza alla funzione sensoriale.
12. Identificare e accettare espressioni, sentimenti e reazioni positive e negative.
La maggior parte dei pazienti sono già confinati per un lungo periodo di tempo da mesi a anni e parlare con loro terapeuticamente li rende ventilare i loro sentimenti sia positivi che negativi.
13. Identificare e accettare l’interrelazione delle emozioni e della malattia organica.
La maggior parte dei pazienti lamentano disturbi somatici, ma come infermiere psichiatrico, si dovrebbe distinguere uno da malingering. Con una corretta valutazione e un’osservazione acuta, puoi stabilire se è vero o no.
14. Per facilitare il mantenimento di una comunicazione verbale e non verbale efficace.
Diversi pazienti conversano nel modo in cui vengono diagnosticati. Con i pazienti bipolari, una volta sono loquaci (stadio maniacale) e poi in un momento sono molto silenziosi (stadio depresso). Interveniamo attraverso entrambi i modi verbali e non verbali in modo che i pazienti sarebbero ancora conformi.
15. Promuovere lo sviluppo di relazioni interpersonali produttive.
Le famiglie e i parenti sono un sistema di supporto molto efficace per i pazienti che sono confinati in un istituto psichiatrico, consentono il loro tempo privato insieme quando la famiglia visita.
16. Per facilitare il progresso verso il raggiungimento di obiettivi spirituali personali
Con i pazienti cattolici, li assistiamo ogni domenica a partecipare alla Santa Messa nella Cappella situata all’interno dell’ospedale. Rispetto anche diverso modo di altri pazienti di culto e la fede.
17. Creare e / o mantenere un ambiente terapeutico.
Mantenere un ambiente terapeutico è molto cruciale per un istituto mentale. Comunicando con loro di tanto in tanto, pratichi un’area per la ventilazione di sentimenti ed emozioni.
18. Per facilitare la consapevolezza di sé come individuo con diverse esigenze fisiche, emotive e di sviluppo.
Diversi reparti e padiglioni in ospedale soddisfare diversi pazienti. Con un reparto che si rivolge a tutti i pazienti di sesso maschile, noi infermieri rispettiamo i loro bisogni umani come dare loro privacy quando ne hanno bisogno.
19. Accettare gli obiettivi ottimali possibili alla luce dei limiti, fisici ed emotivi.
Diversi pazienti hanno esigenze individualizzate quindi obiettivi ottimali è dovrebbe raggiungere in tutti loro. Ad esempio un paziente che viene ritirato, l’obiettivo è che sia partecipativo per distogliere l’attenzione. La terapia di remotivation è fornita.
20. Utilizzare le risorse comunitarie come aiuto per risolvere i problemi derivanti dalla malattia.
Un problema di confinamento per lunghi periodi è la distanza della famiglia dai pazienti. Estendiamo le risorse della comunità agli assistenti sociali per trovare le famiglie di pazienti vagabondi che sono appena venuti dalle strade e nessuna famiglia ad accettarli.
21. Comprendere il ruolo dei problemi sociali come fattori che influenzano la causa della malattia.
Molte malattie psichiatriche rappresentano i problemi sociali che predispongono la maggior parte dei pazienti ad avere problemi mentali, quindi, noi come infermieri, dobbiamo capire e accettare il ruolo della società come un enorme effetto per i pazienti. Condurre l’educazione sanitaria e gli insegnamenti sulla salute alla famiglia e alla comunità.
Come infermiera che lavora in unità chirurgica e traumatologica, non ho idea di aver sperimentato e applicato la teoria di Faye Abdellah sulla mia pratica.
Nel momento in cui ammetto la teoria del mio paziente Abdellah sta funzionando. La maggior parte di questi pazienti sono irritabili e non vogliono essere disturbati specialmente se sono “VIP”. Il mio ruolo di infermiera è quello di promuovere e sviluppare una relazione interpersonale produttiva per ottenere la loro fiducia e approvazione.
Ricordo che ho un paziente trasferito da un’altra unità che è la fissazione post T11-L2 USS, la fissazione bilaterale della mandibola e l’ORIF del femore destro. Ha 25 anni, madre di 3 ragazzi. Nella sua storia si nota che è una passeggera posteriore di un’auto a 4 ruote motrici senza cintura di sicurezza e politrauma sostenuta dopo quell’incidente.
Quindi, come ho applicato la teoria di Abdellah nel prendersi cura della signora HM? Nel momento in cui è stata trasferita alla nostra unità, le ho dato il mio sorriso e il mio tocco, il che significa che è in buone mani. L’ho tenuta comoda sul suo letto, dando l’accesso alla sua campana di chiamata e orientandola come usare il suo nuovo letto elettrico. L’ho incoraggiata a verbalizzare qualsiasi lamentela o disagio e l’ho informata che può semplicemente premere il campanello e sarò nella sua stanza in qualsiasi momento. Ho ordinato una dieta purea e fluida per lei perché non può aprire ampiamente la bocca a causa di un intervento chirurgico, ma può tollerare il cibo. L’igiene orale è stata data. Si lamentava del dolore la maggior parte del tempo, il corretto allineamento del corpo e la mobilitazione a letto era fatto. L’analgesico ordinato è stato dato anche in base al suo punteggio di dolore. La cura del catetere è stata fatta per evitare l’infezione del tratto urinario e promuovere il comfort fisico. Ho imparato da lei che non ha mosso il suo intestino per 4 giorni. La incoraggio ad aumentare l’assunzione di liquidi e l’ho aiutata a muoversi nel suo letto. Informato il suo medico per quanto riguarda il problema, Flotta Clistere e lassativo è stato ordinato e passò sgabello in padella letto.
Un rapporto medico è stato dato al marito per facilitare l’elaborazione della sua richiesta di assicurazione.
Questa è solo una parte della mia cura di routine per questo paziente; Lo sto facendo perché in base alle mie conoscenze questo è il modo giusto ed efficace per farlo fino al momento in cui leggo di nuovo la teoria di Abdellah. Sono rimasto stupito e grato allo stesso tempo che qualcuno come lei ha fatto il suo contributo per una gestione efficace del mio paziente.
In questo momento, mentre sto scrivendo questo, la signora HM in grado di stare fuori dal letto con cintura lombare con l’aiuto di fisioterapista, il suo catetere Foley è stato rimosso e lei può tollerare piccola quantità di cibo solido.
-Marlene R. Estrella
Rashid Hospital
Dubai
“L’infermieristica si basa su un’arte e una scienza che plasma gli atteggiamenti,le competenze intellettuali e le capacità tecniche dell’infermiera individuale nel desiderio e nella capacità di aiutare le persone, malate o ben, a far fronte ai loro bisogni di salute” – come infermieri questo è ciò che siamo e ciò che dovremmo essere.
Come infermiera del reparto medico femminile, la teoria di Faye Abdellah mi ha guidato in molti modi. In primo luogo, soddisfare le esigenze che sono fondamentali per tutti i pazienti come mantenere l’igiene, il comfort fisico prevenire ulteriori lesioni e prevenire la diffusione dell’infezione, sono sempre considerati come i nostri obiettivi ogni volta che un paziente viene ricoverato considerando le sue capacità di recupero completo. In secondo luogo, è la cura per i pazienti dipendenti totali, come i nostri due pazienti ventilati che sono totalmente dipendenti nella nostra cura come il bagno, l’alimentazione, l’aspirazione, la rotazione ai lati. Come fornitori di assistenza, è nostra responsabilità dare la cura che meritano, anche se sappiamo tutti che solo la macchina li tiene in vita, la loro scelta di continuare a vivere nonostante la loro situazione significa molto per noi. La prova della nostra cura, su come manteniamo le loro esigenze di cura sustenal è osservata al nostro paziente ventilato di 6 anni che non ha mai sviluppato la piaga da decubito. Infine, come infermiera che lavora in un altro paese in cui la lingua, la cultura e la tradizione sono totalmente diverse dalla mia terra natale, quindi devo essere abbastanza flessibile per acquisire conoscenze su come affrontare questo tipo di situazione. Imparare la loro lingua come l’arabo è molto importante e mi ha aiutato molto nell’interagire con la maggior parte dei pazienti che non sanno parlare inglese. In questo modo, posso capire i loro sentimenti e allo stesso tempo posso intervenire in modo appropriato perché ho identificato i loro problemi.A parte questo, capire e adattarsi alla loro cultura e tradizioni mi renderebbe sicuramente consapevole dei diversi fattori che influenzano le situazioni di salute delle persone qui negli Emirati Arabi Uniti. È così che Faye Abdellah vuole che proviamo, che ci prendiamo cura di tutti, anche delle persone che non conosciamo, in qualsiasi situazione, affrontiamo sempre la sfida e facciamo sempre un CAMBIAMENTO.. Questa è l’essenza di essere un’INFERMIERA:)
-Meilani U. Faustino Faraon
Khorfakkan Hospital
UAE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.