HAVERHILL — Come monumenti in tutta la nazione sono stati rovesciati da angry manifestanti, uno Haverhill donna è in cerca di città Hannah Duston monumento GAR Parco si trasferì a meno di un luogo pubblico, dove potrebbe essere visualizzato più in un contesto storico.

Judy Matthews ha recentemente chiesto al Consiglio comunale di considerare il trasferimento della statua della dama coloniale Hannah Duston, dicendo che è offensivo per i nativi americani e che glorifica la vendetta.

“È una rappresentazione razzista di ciò che può o non può essere realmente accaduto in 1697 a persone che sono state coinvolte nella guerra di re William”, ha detto Matthews. “È una fantasia di vendetta assetata di sangue ed è inappropriata.”

Pur simpatizzando con Matthews, il consiglio ha eluso la questione con diversi membri che indicano che la città ha problemi più urgenti da affrontare in questo momento.

La controversa questione è scoppiata sui social media con petizioni che affiorano sul sito web change.org sia a sostegno che contro la rimozione della statua di Hannah Duston.

Matthews ha detto che la recente ondata di proteste contro statue e monumenti riflette “il crescente indignazione pubblica sui simboli storici della supremazia bianca e del razzismo che ha devastato la vita dei nativi americani e dei neri americani.”

La statua di Duston che brandisce un’ascia è offensiva per i nativi americani, Matthews ha detto al consiglio, notando le parole” perseguito dai selvaggi ” sono incise sulla sua base.

” Come spiegheresti quella lingua a un bambino nativo americano?”chiese.

Matthews ha contattato il Massachusetts Center for Native American Awareness, che ha risposto dicendo che l’organizzazione ritiene che la statua di Duston sia dannosa per la comunità a causa della sua “perpetuazione di stereotipi e credenze razziste e della sua presenza come simbolo che continua ad illustrare il razzismo strutturale che è stato un fondamento degli Stati Uniti sin dalla sua fondazione.”

Il consigliere Timothy Jordan, che ha invitato Matthews a parlare al consiglio, ha detto che non condivide gli stessi sentimenti di Matthews, ma ha riconosciuto che le questioni che circondano la statua ” sono per lo meno discutibili.”Sia lui che il consigliere Mary Ellen Daly O’Brien hanno detto che la città sta affrontando problemi più urgenti” in questo momento.”

O’Brien ha suggerito alla gente di leggere” Massacre on the Merrimack”, un libro di Jay Atkinson sulla storia di Hannah Duston, e ha detto che le persone non possono risolvere ciò che è successo alle popolazioni indigene secoli fa durante il periodo dell’insediamento americano da parte degli europei.

Il consigliere Michael McGonagle ha detto di essere sensibile ai nativi americani che sono offesi dalla statua, ma ha anche sottolineato la storia di Duston dicendo che per ogni giovane donna che è stata abusata, avrebbe “voluto che avessero la volontà di essere in grado di sopravvivere.”Ha detto che non stava celebrando la storia di Duston, ma lo ha definito un simbolo di “perseveranza e sopravvivenza.”

La presidente del Consiglio Melinda Barrett ha detto che anche se Hannah Duston è stata usata a suo tempo come simbolo di una” coraggiosa frontierista ” e la sua storia è stata successivamente utilizzata per difendere l’espansione verso ovest, la richiesta di Matthews potrebbe portare a future discussioni su come Hannah Duston è raffigurata.

” Potrei vedere un compromesso in cui la statua rimane, ma le raffigurazioni dei nativi americani sono coperte o c’è una contro-spiegazione”, ha detto.

Il 15 marzo 1697, Duston — o Dustin — e la sua infermiera, Mary Neff, furono catturati in un raid su Haverhill vicino alla fine della guerra di re Guglielmo, un conflitto tra coloni inglesi, coloni francesi e loro alleati nativi americani.

Duston fu portato a nord in un accampamento su un’isola nel fiume Merrimack nell’attuale Boscawen, New Hampshire. Lungo la strada, i rapitori uccisero la figlia di 6 giorni di Duston, secondo gli storici, sbattendo la testa del bambino contro un albero.

Secondo alcuni resoconti contestati, dopo essere stato detto che lei e gli altri prigionieri sarebbero stati “spogliati, flagellati e fatti correre un guanto mentre erano nudi” una volta arrivati in un altro campo, Duston guidò una rivolta mattutina contro i suoi rapitori mentre dormivano.

Usando una piccola ascia, o forse una mazza, Duston, Neff e un ragazzo inglese di nome Samuel Lennardson uccisero i loro rapitori, prendendo i loro scalpi come prova del loro calvario. Affondarono le canoe dei nativi, tranne una, poi viaggiarono lungo il fiume Merrimack, atterrando a Haverhill dove oggi si trova il Merrimack River Park lungo la Route 110. Un pennarello di pietra indica il luogo del suo atterraggio.

Attrice storica, educatrice museale e discendente di Duston, Jennifer Emerson di Salem, Massachusetts ritrae la sua ottava prozia durante le presentazioni ai bambini delle scuole e ad altri, raccontando i dettagli del raid che ha cambiato il corso della vita di Duston.

“Come mi è stato spiegato, la statua di Hannah Duston è stata eretta per celebrare la forza delle donne coloniali”, ha detto Emerson.

Emerson ha detto che ci sono ancora molte domande da porre sul posto di Duston nella storia e sulla statua che la onora.

“Indipendentemente dal fatto che la statua rimanga o venga spostata in un luogo più educativo dove sarà presentata in un modo molto più obiettivo, la mia speranza è che Haverhill erigerà un memoriale ai nativi americani, del loro design e scelta”, ha detto Emerson. “Costruiamo un mondo migliore di quello in cui vivevano i nostri antenati … costruiamo il mondo antirazzista.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.