Prevenzione Incendi nello Spazio
04.01.04

Se un incendio dovesse rompere una navicella spaziale in orbita gli astronauti avrebbero combattuto le fiamme in modi leggermente diversi di più che sulla Terra. Gli incendi nello spazio non sono gli stessi degli incendi sulla Terra, ma il modo migliore per combattere qualsiasi incendio è impedirgli di iniziare.
Quando i gas caldi da una fiamma si alzano, creano correnti d’aria che portano aria fresca al fuoco. Questa galleggiabilità è ciò che rende una fiamma lunga e appuntita qui sulla Terra. In situazioni di bassa gravità, non c’è galleggiabilità dalle fiamme.
Alte fiamme gialle bruciano sulla Terra e piccole fiamme blu bruciano nello spazio.Immagine a destra: Sulla Terra, una candela brucia con una fiamma gialla alta. Nello spazio, una fiamma blu più piccola brucia al centro dello stoppino. Credito: NASA
Convezione, il movimento dell’aria, è un modo importante che il calore viene trasferito ad altri spazi. Senza aria, gli incendi non si diffondono così rapidamente. I ventilatori sulla Stazione spaziale sostituiscono la convezione naturale e possono fornire l’aria che un fuoco deve bruciare. In queste circostanze, il fuoco può diffondersi in qualsiasi direzione, piuttosto che solo verso l’alto.
La forma insolita della fiamma crea diverse quantità di fuliggine, fumo o gas nocivi. “La combustione in microgravità è un problema molto difficile, e ci sono un sacco di ingegneri e scienziati che lavorano per capirlo meglio”, ha detto Gary A. Ruff, ingegnere aerospaziale presso il Glenn Research Center Microgravity Combustion Science Branch a Cleveland, Ohio.
Tutti i materiali che salgono nello spazio sono testati per l’infiammabilità sulla Terra in una speciale camera di prova e accesi con un filo caldo. Alcuni oggetti sono così importanti per il successo di una missione che sono autorizzati a viaggiare nello spazio nonostante siano infiammabili.
Rilevare un incendio nello spazio è anche diverso da quello sulla Terra. Qui, i rilevatori di fumo sono installati sul soffitto o sulla sezione superiore di un muro perché è la direzione in cui viaggia il fumo. Nello spazio, il fumo non sale, quindi i rilevatori sulla Stazione Spaziale Internazionale sono posizionati all’interno del sistema di ventilazione.
Estintore utilizzato sulla ISS.Immagine a destra: I moduli russi sulla ISS utilizzano un estintore a schiuma a base d’acqua, mentre gli altri moduli sono dotati di unità di anidride carbonica (CO2). Credito: NASA
Mentre la ISS non ha sperimentato un incendio, un incendio significativo ha avuto luogo nel 1997 sulla Stazione spaziale russa Mir. Il fuoco proveniva da un generatore di ossigeno, dove l’ossigeno forniva una fonte di carburante pronta. I test hanno mostrato che il generatore doveva esaurire l’ossigeno per bruciare il fuoco. Se un incendio dovesse verificarsi sulla ISS, gli astronauti sarebbero diventati vigili del fuoco e seguire un sistema di risposta in tre fasi.
In primo luogo, avrebbero spegnere il sistema di ventilazione per rallentare la propagazione del fuoco. Successivamente avrebbero spento l’alimentazione all’unità effettuata. Infine gli astronauti avrebbero usato estintori per spegnere le fiamme.
Ruff dice che mentre le misure di sicurezza sono state messe in atto per evitare che un incendio si verifichi sulla Stazione Spaziale, è confortante sapere che gli astronauti potrebbero rispondere a un’emergenza perché si sono preparati per qualsiasi eventualità.
Per leggere il testo integrale dell’articolo, visita:
http://nasaexplores.nasa.gov/show2_articlea.php?id=01-064

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.