Pradeep Sharma
Pradeep Sharma, un ingegnere meccanico presso l’Università di Houston, è stato selezionato per una borsa di quest’anno, solo il destinatario in ingegneria categoria.

Pradeep Sharma, ingegnere meccanico presso l’Università di Houston, è stato selezionato per una Guggenheim Fellowship, unico destinatario di quest’anno nella categoria ingegneria.

Sharma, M. D. Anderson Chair Professor of mechanical engineering and chairman of the department, utilizza approcci matematici e computazionali per comprendere i fenomeni fisici in una serie di discipline, dalla scienza dei materiali alla biologia. Nell’annunciare i nuovi compagni, la John Simon Guggenheim Memorial Foundation ha citato il suo lavoro nello spiegare perché alcune persone sono in grado di riprodurre istantaneamente un pezzo di musica che hanno appena ascoltato, mentre altri – anche quelli che sono seri sulla musica – non possono.

La borsa di studio onora artisti, scrittori, studiosi e ricercatori scientifici, che vengono scelti in base alle loro precedenti realizzazioni e ciò che i funzionari della fondazione descrivono come la loro “promessa eccezionale.”

Il lavoro di Sharma è stato a lungo riconosciuto a livello nazionale; ha ricevuto il 2019 James R. Medaglia Rice della Society of Engineering Science per ” contributi creativi alla comprensione della scienza alla base della flessoelettricità e delle sue applicazioni ai sistemi ingegnerizzati e biologici.”In precedenza è stato riconosciuto con una borsa di studio Fulbright e l’American Society of Mechanical Engineers Melville medal, tra gli altri onori.

La Guggenheim Fellowship, tuttavia, è stata una sorpresa. ” Sono così competitivi, davvero non me lo aspettavo”, ha detto Sharma.

La Fondazione Guggeinheim ha concesso più di 375 milioni di dollari in borse di studio a oltre 18.000 persone da quando le borse di studio sono iniziate nel 1925. I destinatari includono premi Nobel, Fields Medalists, poets laureate, membri delle accademie nazionali e vincitori del Premio Pulitzer, Premio Bancroft, Premio Turing e National Book Awards, tra gli altri riconoscimenti.

Le borse di studio di quest’anno riconoscono 173 persone, selezionate da un campo iniziale di 3.000, con Sharma l’unico ingegnere ad essere scelto.

La fondazione cerca intenzionalmente artisti, scienziati e altri il cui lavoro abbraccia l’intero spettro della società. Il presidente della Fondazione Edward Hirsch ha detto che è forse ancora più importante quest’anno.

” È eccezionalmente incoraggiante essere in grado di condividere notizie così positive in questo momento terribilmente impegnativo”, ha detto. “Gli artisti, scrittori, studiosi e ricercatori scientifici supportati dalla borsa di studio ci aiuteranno a capire e imparare da ciò che stiamo sopportando individualmente e collettivamente.”

Sharma ha detto che userà il premio per promuovere il suo lavoro su una domanda che lo ha perplesso per anni: perché alcune persone, anche quelle non addestrate come musicisti, sono in grado di ascoltare un brano musicale e riprodurre immediatamente la melodia su un pianoforte o altro strumento, mentre altri non possono. Sua moglie, si scopre, è una di quelle che possono. Sharma, pur essendo “molto appassionato di musica”, non poteva. Si dedicò allo studio della musica per quasi un decennio, allenandosi a tradurre ciò che ascoltava in note che poteva suonare.

” Parte di esso è il cervello, ma la domanda che voglio fare è, c’è qualcosa di strutturalmente diverso nelle sue orecchie che può sentire meglio la musica? Sto cercando una spiegazione fisica per la sua abilità.”

Gli scienziati hanno una buona comprensione di come funziona il meccanismo dell’udito mentre le onde sonore entrano nell’orecchio e si muovono contro le minuscole cellule ciliate all’interno. Quelle cellule ciliate cambiano le vibrazioni generate dalle onde sonore in segnali elettrici che vengono inviati al cervello per la decodifica.

Sharma ha detto che indagherà per vedere se alcune caratteristiche fisiche di quelle cellule ciliate-geometria, proprietà fisiche e persino attività elettrica intorno alle cellule – giocano un ruolo nel modo in cui le persone capiscono e interpretano la musica.

Paula Myrick Short, vicepresidente senior per gli affari accademici e prevosto, si è detta lieta di vedere il lavoro innovativo di Sharma riconosciuto dalla Guggenheim Foundation.

“Il corpo di lavoro del Dr. Sharma attraversa le discipline per dirci di più sul mondo in cui viviamo”, ha detto Short. “Ha risultati impressionanti in campi che vanno dalla scienza dei materiali alla biofisica, e questo premio gli permetterà di spingere verso ulteriori frontiere.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.