Come addolcire il vino

I vini più popolari sono probabilmente quelli dolci. In passato erano riservate ai nobili e ai re per la loro capacità di conservare lo spirito del frutto, espresso nella sua dolcezza e nei suoi affascinanti aromi.

Ma fare il vino dolce richiede più impegno e dedizione. Poiché è piuttosto difficile ottenere un risultato impressionante durante la fermentazione, una delle domande più comuni tra i vignaioli è come addolcire il vino.

Differenze tra Vino Secco, Vino e Dolce

Migliori Vini Bianchi Secchi per la Cottura
miglior vino da dessert

La differenza principale tra vino secco, vino e dolce è la quantità di zucchero che si scioglie in vino, ma non si trasforma in alcol durante la fermentazione. Questo zucchero è chiamato “zucchero residuo”. La quantità di zucchero residuo determinerà la dolcezza del vino.

Nei vini secchi la quantità di zucchero residuo è minima, e non sarà possibile percepirlo durante la degustazione del vino. D’altra parte, dovresti anche sapere che nei vini molto freschi la dolcezza è bilanciata dall’acidità, quindi è difficile da notare.

Tipicamente, i vini dolci hanno concentrazioni di alcol inferiori rispetto ai vini secchi.

Produzione di vino dolce: Sfide

L’alcol nel vino è prodotto dalla fermentazione degli zuccheri da parte del lievito. La quantità di zucchero determina la quantità di alcol prodotto durante il processo di fermentazione.

Per determinare quanto è dolce o secco il tuo vino, dovresti misurare il peso specifico durante il processo di fermentazione. I vini con un peso specifico inferiore a 1.000 sono considerati secchi, mentre i vini dolci hanno generalmente un peso specifico tra 1.010 – 1.025.

Tuttavia, anche se è facile misurare il peso specifico, quindi sapere quando si ha la dolcezza desiderata, interrompere il processo di fermentazione non è esattamente semplice. Il lievito di solito smette di fermentare quando il vino raggiunge una certa concentrazione di alcol o quando lo zucchero è completamente consumato. Pertanto, se non inizi a fare il vino con abbastanza zucchero, probabilmente finirai con un vino secco.

Se non sei un enologo esperto, determinare la giusta quantità di zucchero per iniziare è piuttosto difficile. Quindi è molto probabile che finirai per chiederti come addolcire il tuo vino.

Come addolcire il vino

Esistono vari metodi per addolcire i vini fatti in casa. Il più semplice e quello utilizzato dalla maggior parte dei produttori di vino è l’aggiunta di zucchero al vino già fatto. Tuttavia, dovresti sapere che questo metodo è anche il meno nobile ed è generalmente utilizzato per prodotti di bassa qualità.

Infatti, i più rinomati produttori di vino non addolciscono mai il vino secco con lo zucchero, perché il risultato è un vino di scarsa qualità e questo “trucco” è facilmente riconoscibile.

In pratica, questo come addolcire il vino con lo zucchero:

  • Fare un semplice sciroppo da una tazza di acqua e due tazze di zucchero. Portare la miscela a fuoco lento e cuocere fino a quando tutto lo zucchero è sciolto.
  • Raffreddare lo sciroppo a 70F.
  • Prendere una tazza di vino e aggiungere lo sciroppo fresco ad esso, misurando la quantità di sciroppo aggiunto al vino.
  • Assaggia e vedi se hai raggiunto la dolcezza desiderata.
  • In base al rapporto misurato in precedenza, aggiungere la giusta quantità di sciroppo nel vostro vino. Leggi il peso specifico.
  • Aggiungere un¼ cucchiaio di sorbato di potassio e 1/8 cucchiaio di metabisolfito di potassio per ogni gallone di vino per evitare ulteriori fermentazioni.
  • Versare il vino in una damigiana, sigillarlo con una camera di equilibrio e lasciare riposare il vino per almeno una settimana.
  • Leggere il peso specifico di nuovo. Se è caduto, il vino sta fermentando di nuovo. In questo caso, si dovrebbe lasciare che la fermentazione si fermi prima di procedere all’imbottigliamento del vino.

Un altro metodo semplice è l’aggiunta di una certa quantità di succo d’uva dolce al vino. Ciò, tuttavia, potrebbe alterare il gusto dei vini ottenuti da frutti diversi dall’uva. Se si sceglie questo metodo, prestare attenzione a sterilizzare correttamente, filtrare, chiarire e conservare il vino a bassa temperatura in serbatoi di acciaio inossidabile per evitare ulteriori fermentazioni.

Tuttavia, lo zucchero non viene mai aggiunto ai migliori vini dolci. Per ottenere un vino dolce di alta qualità, probabilmente dovresti interrompere la fermentazione quando viene raggiunto il livello desiderato di dolcezza. L’interruzione volontaria della fermentazione avviene aggiungendo una certa quantità di alcol o brandy al vino. Questo inibirà l’azione del lievito e il tuo vino rimarrà dolce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.